Non diciamoci che non potevamo prevederlo e tanto meno non facciamo finta di credere ai cantastorie che ci si aspettava il contrario.
La G-III Apparel Group la cui proprietà appartiene proprio alla figlia del Presidente degli Stati Uniti ha avuto incrementi di vendita che hanno raggiunto in alcuni casi anche il 60%, portandosi ad un fatturato di oltre 47 milioni di dollari annui.
Ora, se vogliamo polemizzare su tutto siamo liberi di farlo, ma tutto questo era abbastanza prevedibile commercialmente parlando.
Se il padre comunque é stato eletto regolarmente quale nuovo Presidente é normale che una grossa fetta di americani abbiano stima per lui e per il suo operato.
Di conseguenza ammirano e hanno piacevole interessse nelle aziende di famiglia in generale.
Quelle di Ivanka sono solo alcune e le capacità imprenditoriali della figlia più famosa d’America non si mettono in dubbio a questo punto.
Se poi prendiamo Nordstrom che invece ha dichiarato l’esatto opposto, allora abbiamo il forte dubbio di una piccola manipolazione a sfondo politico e questo fa male all’economia del Paese e alla sua voglia di rinascere per provare a tornare il più grande al mondo.
Giustamente entrambi potrebbero essere messi in discussione, ma da un lato esistono dei bilanci depositati, dall’altro una semplice comunicazione da ufficio stampa che non significa nulla a livello imprenditoriale.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar