Sta diventando sempre più una battaglia mediatica e psicologica quella tra Donald Trump e Pyongyang, dopo la portaerei Vinson, il Presidente degli Stati Uniti ha inviato in Corea anche il sommergibile nucleare Uss Michigan.
Proprio mentre si celebrano gli 85 anni dei Korean Peoplès Army e mentre sembra imminente il lancio di un nuovo missile da parte di Kim Jong-Un.
Un segnale forte dunque quello di Trump, che non ha nessuna intenzione di indietreggiare. Attende solo le valutazioni dal Pentagono e l’appoggio del Senato che potrebbe arrivare già domani, ma nel frattempo continua in prima persona la sua sfida intimidatoria.
Dal canto suo, come attendersi diversamente, Kim Jong-Un ha già risposto in precedenza che non si lascia intimorire ed é pronto a “spazzare via gli Stati Uniti dalla faccia della terra” e ci si può scommettere che il test missilistico, l’ennesimo, previsto per questi giorni, sarà portato a termine.
Al momento la situazione non é più sotto controllo, serve la goccia che fa traboccare il vaso e sembra impossibile fare marcia indietro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar