Il Dipartimento di Stato americano si é mosso nei confronti di Assad un’altra volta e ancora una volta lo ha fatto con estrema fermezza.
Stuart Jones ha accusato il Governo siriano di eseguire esecuzioni di massa di migliaia di prigionieri nel carcere militare di Saydnaya, a circa 30 km da Damaso.
Si eseguirebbero circa 50 impiccagioni al giorno e per cancellarne le prove un’area del penitenziario é stata trasformata in forno crematorio, come dimostrato dalle foto satellitari dell’edificio.
Le foto coprono un periodo che va dal 2013 ad oggi.
Alle dichiarazioni si aggiungono testimonianze più che attendibili che confermano le esecuzioni di massa e riportano di fosse comuni in cui sarebbero gettati i resti dei corpi.
Assad sta abituando il mondo intero ad atrocità inaudite alle quali bisognerebbe porre rimedio con un intervento immediato.
Per quanto la Siria non interessi a nessuno, tutto questo non può essere accettato.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar