Register
A password will be e-mailed to you.

La nave Diciotti, peraltro della nostra marina militare, con a bordo 67 migranti, può attraccare al porto di Trapani, ma solo a determinate condizioni.
Dura ma lecita la posizione del ministro Salvini: «Se su quella nave c’è gente che ha minacciato ed aggredito non saranno persone che finiranno in albergo ma in galera: quindi non darò autorizzazione allo sbarco fino a che non avrò garanzia che i delinquenti, perché non sono profughi, che hanno dirottato una nave con violenza, finiscano per qualche tempo in galera e poi riportati nel loro paese».
Una presa di posizione senza precedenti, che dimostra ancora una volta le intenzioni del ministro Salvini nel voler cambiare la situazione degli sbarchi in Italia.
Soprattutto dimostra, e di questo ne avevamo bisogno, di voler prendere una posizione dura contro chiunque si possa permettere anche solo di pensare di poter chiedere aiuto, asilo e persino minacciare noi o le persone che li hanno soccorsi.
In questo probabilmente l’Italia, più che mai ha bisogno di un pugno duro.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar