Una chiara provocazione da parte di Kim Jong-un. Cina e Stati Uniti avevano chiesto un dialogo e soprattutto avevano chiesto di fermare questi lanci, ma il giovane Kim ama provocarli e far credere al suo popolo che lui é in grado di affrontarli e annientarli.
Che il missile sia stato intercettato oppure no, non possiamo saperlo, é ancora troppo presto. Sappiamo per certo che l’ennesimo lancio é stato effettuato e questo complica ulteriormente la situazione.
Erano le 5.30 di questa mattina a Pyongyang quando il missile é stato lanciato, dunque mezzanotte e mezzo in Italia.
E’ partito dalla base di Pyeongannam-do molto vicina a Puckang in direzione nordest. Ha raggiunto circa qualche decina di km ed é esploso.
Ma secondo gli esperti l’attacco avrebbe dovuto simulare per il Governo nordcoreano un attacco a un mezzo navale, chiara provocazione nei confronti di Trump e dell’invio della sua flotta navale nei mari coreani.
Se la diplomazia dovesse fallire, e la strada sta andando in questa direzione, purtroppo rimane solo l’alternativa militare.
Non importa se noi viviamo in Italia o in Giappone (molto più a rischio di chiunque altro per l’invio di questi missili). Importa che lavoriamo tutti per avere tra le mani un giorno un mondo libero.
E se all’interno di questo mondo abbiamo personaggi che lanciano bombe chimiche sui nostri figli, come ha fatto il Governo di Assad, o che si divertono a lanciare razzi dal giardinetto di casa che finiscono sempre nel nostro giardino come sta facendo Kim Jong-un, alla fine é giusto trovare il modo e la forza per intervenire.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar