Tutto previsto e tutto come programmato. Da quando gli italiani si sono ritrovati con le tasche vuote per foraggiare una classe politica incapace ed un’informazione corrotta, in molti hanno cominciato a guardarsi in giro, in tanti hanno cominciato a prestare attenzione a questa brutta ed irriverente vecchia donna italiana che si fa chiamare “politica”.
In quegli anni un matto che sembrava sotto effetto di allucinogeni si aggirava per le piazze italiane a urlare e raccontare una storia a cui in pochi volevano credere.
Ma quel matto non era sotto effetto di stupefacenti e nemmeno stupido. Aveva visto lontano, molto lontano. Aveva alimentato un progetto in cui forse credeva solo lui all’inizio, sino a che un giorno uno dopo l’altro gli italiani hanno cominciato a dargli retta.
Hanno smesso di buttare i soldi per un’informazione corrotta e manipolata ed hanno cominciato ad usare il web per informarsi. Quel giorno la politica italiana, una bruttissima donna di oltre 100 anni, ha finito di esistere.
Quella che si vede oggi é l’immagine di una politica attaccata al respiratore, in un letto da sala di rianimazione, in vita ancora grazie e solo ai soldi degli italiani.
Ma non dobbiamo rattristarci per questo perché stiamo per assistere ad un cambiamento epocale che cambierà il nostro Paese per sempre.
Gli ultimi dati danno il M5S ad oltre il 35% dei consensi e prima delle elezioni potrebbe superare il 40% se non ci saranno troppi non votanti.
Il PD al 25% e Lega Nord insieme a Forza Italia che raggiungeranno il 20% per un soffio, perché si sa che Salvini e Berlusconi alla fine finiranno ancora a letto insieme per raggiunere quel minimo di attenzione che possa garantire lo stipendio.
Il resto, non lo vede nessuno.
Ora provate a dirgli a quel matto di un cantastorie da piazza che si sbagliava, ora provate a dirgli che ci ha raccontato solo delle grand balle…
Nessuno giudica e tanto meno nessuno vuole promuovere una fazione politica invece di un’altra, stiamo elaborando un pensiero solo su dati certi e certificati diffusi in tempo reale.
Il resto, lo decidono gli italiani, finalmente.

Leave a Reply

Skip to toolbar