Register
A password will be e-mailed to you.

Il Manchester City allenato da Pep Guardiola ha vinto la Premier League.
Anche se alla fine la notizia che ha fatto più scalpore é stata la sconfitta del Manchester United in casa contro il West Bromwich.
Come a dire e pensare che Mourinho ha voluto rubare la scena a Guardiola decidendo lui come e dove fargli vincere il titolo.
La realtà dei fatti riporta un’altra storia. Una squadra che ha dominato in lungo ed in largo un intero campionato al punto che già al giro di boa la distanza era impressionante.
Nessun miracolo, si tratta di una programmazione basata su investimenti enormi che doveva portare ad un buon risultato in Premier o in Champions.
Un risultato inevitabile proprio per gli investimenti fatti.
Ad orchestrare, a proposito di investimenti, si sono anche permessi il lusso di prendere uno che di calcio ci capisce e non poco.
Guardiola vince il suo ennesimo campionato in giro per il mondo, a dimostrazione delle sua capacità.
Perché prima ancora di scendere sul campo di allenamento un allenatore moderno deve saper essere un manager che suggerisce acquisti e vendite.
Deve saper fare i conti, per quanto illimitati a Manchester, con le casse.
Alla fine, lo dimostra proprio Mourinho che i soldi a palate non garantiscono la vittoria. Ci vuole molto di più.
Guardiola ha portato a termine un lavoro che era nato per raggiungere questo obiettivo, ma il punto resta che non tutti ci sarebbero riusciti, nonostante gli investimenti.
Non ha un giocatore come Ronaldo o Messi che ti stravolgono le partite, ma sa fare squadra e sa far giocare al calcio come nessun altro.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar