Ancora una volta questione di mentalità e questione di preparazione. Il team femminile di calcio targato Stati Uniti ha vinto il Mondiale di Francia sconfiggendo a Lione in finale una coraggiosa Olanda che onestamente ha fatto il possibile.
In America si fanno giocare le ragazze già nelle scuole elementari durante l’ora di ginnastica e non solo, ne hanno fatto uno sport anche femminile a tutti gli effetti.
In Italia, tanto per capirci, quando una figlia dice ai propri genitori che vuole giocare a calcio viene derisa o snobbata ancora oggi nel 90% dei casi, perché il calcio in Italia é visto solo in un’ottica maschile, macchiato da una mentalità ottusa e vecchia.
La differenza si é vista durante i mondiali di Francia e si é notata enormemente in finale.
Difficilmente in una competizione mondiale si prevede un vincitore e questo, non curante della quasi totalità delle probabilità, vince.
Magari il gioco non sempre é fluido e calcisticamente intelligente, ma di sicuro é efficace e non lascia spazio alle avversarie.
Avversarie che stanno crescendo, Italia tra le prime, ma che hanno bisogno del supporto di un Paese intero che possa credere che il calcio femminile esiste e non é uno sport da maschiacce…

Leave a Reply

Skip to toolbar