Adesso non esageriamo come siamo sempre portati a fare noi italiani. La nazionale italiana di calcio ha rimediato una serie di brutte figure nel dopo-Conte che fanno capire agli opinionisti da bar quanto l’allenatore sia importante in una squadra.
Si riparte da oggi, da zero, sui giovani, con il cambio della guardia, utilizzando magari l’esperienza per mettere i nuovi passi verso il futuro calcistico. Smettiamola di dire che é un dramma sociale perché non lo é affatto.
La nostra vita sportiva ci insegna che abbiamo sempre avuto bisogno di nuovi stimoli e di nuove sfide. Dai momenti peggiori sono nati i nostri momemti migliori calcisticamente parlando.
Questa volta, se sapremo gestirla nel modo giusto accadrà la stessa cosa.
Era arrivato il momento di cambiare, speravamo di farlo dopo il mondiale dove alemno le prime tre partite ci auguravamo di giocarle, ma probabilmente visto il gioco di questi due anni, forse va bene così. Invece di ripartire a giugno si riparte da oggi.
Ma per cortesia non facciamone un dramma sociale perché non lo é affatto.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar