Un altro cambio di allenatore a Palermo. Non si contano più. Le incomprensioni con il presidente Zamparini e i cattivi risultati sul campo hanno portato a questa risoluzione all’apparenza pacifica del contratto di lavoro per l’ormai ex allenatore del Palermo.
Nel calcio contano i soldi ormai più di ogni cosa. Forse lo é sempre stato soprattutto negli ultimi 30 anni, ma non esiste più un programma di lavoro e di sviluppo a lungo termine.
Si comprano e vendono giocatori ogni sei mesi, nessuno rimane attaccato alla maglia per cui gioca se sotto la maglia non vengono infilati parecchi soldi.
Ma questo é legittimo, il sistema é cambiato e i giocatori si adeguano giustamente.
Questo non può essere giudicato, mentre può essere condannata la mancanza di un progetto serio dove se si vince si vince tutti e se si perde si perde tutti.
A Palermo é arrivato da molto tempo il momento di mettere sul tavolo un progetto serio e a lunga scadenza e sino a che la dirigenza non avrà ben capito questa cosa, non si faranno mai dei passi avanti e tutti i progetti a breve scadenza sono destinati a perdersi nel nulla.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar