Register
A password will be e-mailed to you.

L’Italia dell’informazione non é mai stata tanto nel panico come in queste ore.
Prima le affermazioni di Silvio Berlusconi che aveva definito una tragedia lasciare in mano le Telecomunicazioni al M5S e si era raccomandato con Salvini perché questo non accadesse mai.
Poi la conferma dal Governo che non solo le telecomunicazioni, ma anche l’editoria, che sembrava stesse finendo nelle mani della Lega, é passata invece al M5S.
Dunque l’informazione italiana nelle mani del movimento politico che tanto la stessa informazione corrotta ha tentato per anni di ostacolare.
Chiariamo subito un punto, nella speranza che il contributo governativo all’editoria, quello che viene preso contro il volere degli italiani, a forza dalle tasche degli italiani, per finanziare giornali e tv di partito, adesso venga messo in discussione e la sensazione é che la pacchia possa finire presto.
Le indiscrezioni sono che adesso qualcuno proverà a correre ai ripari cercando di vendere le proprie testate editoriali o le proprie tv ad investitori stranieri.
Difficile vendere però giornali che dovrebbero vivere solo di pubblicità e invece vivono di contributo del governo ed agevolazioni.
Qualora questi contributi venissero tolti, segnerebbero la fine per il 90% delle testate in Italia.
Ma attenzione, finirebbe l’informazione marcia e corrotta, quella che vi ha sempre raccontato il “non vero”, sarebbe l’inizio invece di una nuova informazione trasparente, non legata ad alcun partito e nemmeno a grandi imprenditori che ne ricavano interessi personali da quello che i giornalisti, che loro stessi pagano a fine mese, sono spinti a scrivere.
Sono anni che l’informazione in Italia é manipolata e gestita da grandi imprenditori e gruppi politici.
Fino a quì tutto bene e accettabile, meno bene se per farlo devono disinformare cercando di raccontare i fatti manipolando l’informazione stessa solo perché il loro padrone o il loro partito gli ha detto di farlo.
Se poi per farlo, per pagare le loro parole da campagna elettorale vengono a prenderci i soldi dalle tasche, questo non va proprio bene per niente.
Una nuova era sta per avere inizio, intanto togliamo loro i fondi e facciamoli ripartire da zero.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar