Register
A password will be e-mailed to you.

Una brutta storia che riporta alla memoria quanto la delicata convivenza tra uomo e animali possa spesso, troppo spesso, tramutarsi in violenza inaudita.
Quanto ci raccontano da Albaredo per San Marco é inverosimile proprio per la crudeltà del gesto.
Due cani sono stati arsi vivi nei loro recinti perché abbaiavano troppo.
Di nascosto, di notte, perché il vigliacco ed il miserabile vivono nell’ombra, nascondendosi ed abbassando gli occhi, perché loro capaci di gesti estremi, non sono uomini, sono semplicemente rifiuti di una società che li ha creati e protetti.
Nessuno sa niente, nessuno ha sentito niente. due cani che abbaiano danno fastidio a tutti, ma due cani che ululano e gridano di dolore mentre le fiamme li stanno bruciando vivi, non li sente nessuno, soprattutto in estate, quando tutti abbiamo le finestre aperte e ci godiamo la fresca aria della notte.
Ecco, il terreno fertile in cui il vigliacco ed il miserabile nascono, crescono e vivono; un terreno fatto di omertà e di vergogna, ma non per gli altri, per se stessi a dimostrazione di un’intera esistenza miserabile.
La padrona di Bobo e Lea spera che la coscienza tenga svegli questi miserabili alla notte… non sapendo che il miserabile non ha coscienza perché solo chi ha l’anima può avere una coscienza.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar