Non é più il calcio di 30 anni fa e nemmeno quello di 20 anni fa. I giocatori simbolo nel calcio moderno non esistono. Tutto é più frenetico, le cifre sono enormi e loro, i diretti protagonisti che in campo ci vanno per davvero, si sono semplicemente adeguati.
L’Italia sta offrendo in questo periodo storico una rosa di giovani talenti da favola. Tra questi Donnarumma si colloca in alto alla lista. Normale che mezza Europa lo voglia e siano pronti a sborsare cifre da capogiro, sia per il cartellino che per l’ingaggio. Ma se la stessa cosa lo fa un giovane talento inglese o francese nessuno si scandalizza, se lo fa Donnarumma allora gridiamo allo scandalo, gli diamo del vigliacco…
Tutto questo é fuori luogo, i giocatori di calcio sono ormai dipendenti di grosse aziende che devono guardare il fatturato, smettiamola di guardarli come degli approfittatori. Sono dei managers che scendono in campo con scarpe coi tacchetti e magliette numerate.
L’attaccamento alla maglia non lo abbiamo nemmeno noi. Se domani chiunque dovesse offrirci lo stesso lavoro che facciamo oggi ma con uno stipendio che sarebbe 5 volte tanto, venitemi a dire che provereste a pensarci… sareste ipocriti, perché io personalmente andrei a New York tutte le mattine e tornerei tutte le sere per queste cifre. Non prendiamoci in giro, Donnarumma sta facendo quello che vorremmo fare tutti, gli ipocriti siamo noi se lo critichiamo.
Quando un Presidente di Serie A vende una squadra considera l’aspetto attaccamento alla maglia o controlla se arriva puntuale il bonifico?

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar