La notizia in effetti ha lasciato gran parte degli italiani nella disperazione e nello sconforto. Sapere che un ex parlamentare alla quale é stato ridotto il vitalizio da 2 mila euro a “soli” 800 euro non riesce a tirare a fine mese ha in effetti lasciato un sapore di amaro a molti italiani.
Quelli che lavorano per intenderci e sgobbano per un mese intero per arrivare a prendere 800 euro e pagarsi in quella somma le bollette e la spesa, i quaderni dei figli e molto altro.
Dunque, senza offesa, a noi che Cicciolina si metta a piangere per radio interessa meno di zero. Infastidisce che le sua parole facciano notizia per il semplice fatto che é una mancanza di rispetto verso coloro che davvero 800 euro se li sudano.
A vederla sino in fondo, in molti degli ex parlamentari si sarebbe anche potuto ipotizzare di restituire quanto preso in eccesso in questi anni, prelevato dalle tasche degli italiani in un momento in cui gli italiani faticavano ad arrivare anche solo a quegli 800 euro.
Si, ci sono persone che vengono buttate fuori di casa per molto meno e che si devono trovare, con famiglia a carico, un buco di appartamento per provare a sopravvivere, magari proprio con solo 800 euro.
Non ha fatto notizia Cicciolina, solo una persona che ha del tempo da perdere ascolta le sue parole, ha fatto notizia il fatto che ne sia stata costruita attorno una notizia.
Molta gente in Italia oggi farebbe miracoli per arrivare almeno a 800 euro al mese e senza doversi vendere la casa perché magari già sottratta dalla banca che non ha ricevuto il pagamento regolare del mutuo.
La gente di tutti i giorni fa questi miracoli, denigrare 800 euro al mese senza doverseli sudare significa sputare in faccia a queste persone.
Dunque si, se ci fosse da firmare saremmo pronti a farlo per chiedere la restituzione anche di quelli presi in eccesso negli ultimi anni tutelati da un sistema politico corrotto.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar