Così, come potete aspettarvi molte domande quando vi sedete al tavolo di un ristorante, di certo l’ultima cosa che potreste aspettarvi sarebbe una richiesta di “prova di residenza”.
E’ successo a 4 donne che si erano recate al Saint Marc ad Huntington Beach in California.
Ma la forza della comunicazione e delle nuove formule di giudizio fatte attraverso le recensioni sul web ha fermato il tempo e distrutto in un attimo la reputazione del ristorante.
Una delle donne sedute al tavolo, Brenda Carrillo di 23 anni, ha raccontato che é stato detto loro testualmente “devo essere certo che siate di queste parti prima di cominciare a servirvi”.
La giovane Brenda si é lamentata subito con i proprietari del ristorante ed insieme alle amiche ha lasciato il locale immediatamente senza dimenticarsi però di scrivere un post estremamente negativo sul locale.
Nel giro di poche ore il post ha preso spazio ed attirato l’attenzione persino dei quotidiani più importanti.
Il ristorante ha pubblicato le sue scuse e confermato che il cameriere é stato licenziato in tronco nonostante lo stesso avesse detto che si trattava di uno scherzo.
Nessuno scherzo visto che quando lo hanno fatto presente alla direzione nessuno aveva ravvisato tale circostanza.
Ora il ristorante ha offerto una cena con trattamento VIP alle giovani donne e dichiarato di voler donare il 10% degli incasi della serata ad un’organizzazione di beneficenza a scelta.
Le donne hanno rifiutato l’invito per la cena ma non la promessa di devolvere parte in beneficenza per un’organizzazione che si occupa di immigranti.
La prova del web e la testimonianza attraverso le recensioni possono distruggere un’azienda, un marchio, un professionista stimato, in poche ore.
Facile pensare che la speranza é che possa diffondersi in fretta anche in Italia questa abitudine, anche se a dire il vero i giovani stanno cominciando a capire il sistema.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar