Era scontato che sarebbe toccato anche a lui. L’uomo dietro a tutto il mondo digitale del Presidente Trump. Brad Parscale si é reso disponibile ad informare il Governo americano in merito ai possibili legami tra il Presidente e la Russia.
L’uomo dietro ad ogni mossa digitale durante la campagna Trump é anche una delle chiavi di svolta che potrebbero definire il reale rapporto tra Tump e la Russia, anche perché si sta correndo il rischio di renderla infinita questa faccenda.
Non solo, ma la priorità assoluta assegnatavi anche dalla stampa nazionale non giustifica la situazione reale.
Dunque prima si chirisce e meglio é perché ultimamente tutto ha l’impressione di passare in secondo piano rispetto a questa idea di impeachment che tiene tutti con il fiato sospeso.
Da San Antonio, dove si trova la sede della sua compagnia, la Giles-Parscale, lo stesso Brad racconta di essere partito qualche anno fa a progettare e realizzare siti web tra cui molti per la famiglia Trump, e pensare che all’inizio era partito con un investimento di 500 dollari…
Ama raccontare che “Trump ha dato ad un ragazzo di campagna del Kansas la possibilità di fare carriera” e Brad questa opportunità l’ha presa al volo.
Solo per la campagna presidenziale si é stimato che Trump abbia versato nella casse della società di Parscale circa 91 milioni di dollari, un bel salto dal punto di partenza considerando soprattutto che la società e lo stesso Brad non avevano alcuna preparazione in materia politica.
Ma si sa, quello che contava era conoscere il web ed utilizzarlo a proprio piacimento, consapevoli delle potenzialità infinite che poteva offrire.
Ora Brad nega ogni coinvolgimento o contatto con alcuna fonte russa, ma a dire il vero in pochi gli stanno credendo.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar