Davide Lobue, 26 anni, addestratore di cani, é stato trovato morto la sera di sabato scorso a Monteu da Po. Morto per l’aggressione del cane su cui stava lavorando.
Così per qualche giorno Sid, un bull terrier di un amico di Davide é stato messo in isolamento e additato come un cane assassino.
Sono cominciate le disquisizioni degli esperti sul web che in Italia sono secondi solo agli esperti di calcio, tutti a puntare il dito sulla razza e sull’aggressività della stessa, senza sapere nulla, senza avere informazioni ma solo una notizia tra le mani.
Una notizia ancora da verificare, quando i processi erano iniziati e finiti sulle pagine web di qualche forum di presunti esperti da bar.
Ieri però l’autopsia, a malincuore per gli espertoni, ha scagionato Sid. Perché il suo addestratore non é morto perché aggredito dal cane, ma per un malore.
Ora si passerà alla seconda fase dell’autopsia con un esame tossicologico per definirne con precisione le cause, ma nel frattempo tutti sono rimasti a secco di parole e tutti sono scomparsi. Nessuno ha scritto abbiamo toppato.
In Italia gli esperti addestratori di cani sono ben di più dei cestini di raccolta rifiuti, se ne contano almeno 3 per ogni parchetto di 100 mq in ogni città o paesino. Guardatevi in giro, provate a chiedere, gli addestratori sono a migliaia, per qunto il 99% sia incapace o improvvisato, perché un conto é fare il dog sitter un altro é addestrare un cane.
Alla fine, quando Davide si é sentito male il cane ha provato a soccorrerlo scuotendolo e le ferite riportate soprattutto sui polpacci sono tutte post mortem.
In definitiva tante parole per niente, tutte contro Sid. E visto che tutti i titoloni di sabato erano contro di lui, adesso lasciamogli lo spazio di una piccola rivincita, perché se per farsi cliccare sulle proprie pagine tutti hanno scritto “Addestratore ucciso dal cane” oggi proviamo a scrivere: “Rettifica e scuse per Sid, l’addestratore é morto per altro e il cane ha cercato di soccorrerlo”, ma questo titolo probabilmente lo leggerebbero in pochi generando molti meno clic e molti meno ingressi pubblicitari.

 

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar