Voleva sollevare la questione della morte dei migranti nel mediterraneo. Per farlo ha deciso di terrorizzare 51 studenti di seconda media tenendoli sotto sequestro per 40 minuti.
Avrebbe dovuto semplicemente portare le due classi in palestra, ma ha cambiato direzione, puntando verso Linate per compiere una strage.
Ha terrorizzato i bambini da subito, ha cosparso l’interno del bus di benzina e ha ordinato alle insegnanti di legare i polsi dei bimbi con delle fascette, mentre continuava a ripetere “da quì non esce vivo nessuno”.
Ma uno dei bambini é riuscito a liberarsi e a chiamare il 112 con il telefono che aveva nascosto.
Subito l’intervento delle forze dell’ordine che hanno bloccato il pullman, sono saliti a bordo e fermato il mostro di nome Ousseynou Sy.
Alla fine il bilancio è stato di soli 12 bambini portati in ospedale per escoriazioni lievi ed intossicazione insieme anche a due insegnanti.
Tutti si sono liberati e sono fuggiti passando anche dai finestrini del pullman.
La parte più raccapricciante é che poi si é scoperto che l’autista aveva precedenti per guida in stato di ebbrezza e molestie sessuali… e guidava un pullman pieno di ragazzini?!?!?!
Tolleranza zero per un gesto assurdo compiuto in piena lucidità con la consapevolezza di voler e poter compiere una strage.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar