L’uomo armato che ha ucciso l’ambasciatore russo in Turchia ha gridato “Allah Akbar” prima di sparare, denunciando le violenze in Siria subito dopo l’omicidio.


Ha sparato diversi colpi da dietro verso l’ambasciatore Andrei Karlov, che é morto sul colpo di fronte a testimoni impietriti ed una diretta TV.
“Non dimenticate la Siria, non dimenticate la Siria” continuava a ripetere durante i minuti di concitazione.
“Sino a che la nostra terra non sarà sicura, la vostra terra non sarà sicura.”

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar