Voli cancellati, soprattutto a lungo raggio, caos totale sul piano delle trattative e dei programmi per i prossimi mesi.
Airberlin affianca Alitalia in una situazione di bancarotta che sta mettendo a dura prova i dipendenti della compagnia ormai sul piede di guerra, ma ancor più i clienti che hanno acquistato biglietti Airberlin e non hanno la garanzia di vedersi confermati i voli.
Il consiglio é di non acquistare nulla a lungo termine perché al momento una via d’uscita non esiste.
Anche se Lufthansa dovesse farsi avanti sarebbe solo a prezzo enormemente ridotto e questo non salverebbe certo tutti i dipendenti.
Dai piloti agli assistenti di volo dunque, nessuno escluso, tutti che incorciamo le braccia nei prossimi giorni, a periodi alterni, mettendo in ginocchio ancor di più la compagnia e la sua possibilità di trovare un investitore.
Nelle ultime ore sono stati cancellati oltre 70 voli e ben 7 mila persone sono rimaste a terra a causa degli scioperi.
Dalle ultime indicazioni soprattutto i voli interni in Germania ne stanno risentendo in maniera enorme nella giornata di oggi.
Si dice che la compagnia sia stata abbandonata al proprio destino da Etihad, ma é troppo presto per individuare la causa scatenante.
Lufthansa comunque nelle ultime ore si sarebbe fatta avanti, mentre i vettori concorrenti hanno chiesto maggiore trasparenza e la possibilità anche per loro di valutarne l’acquisizione.
Resta il fatto che la compagnia si scusa mentre comunque oggi migliaia di persone non sanno cosa farsene delle scuse.

Leave a Reply

Skip to toolbar