Facciamo in modo solamente di poterlo raccontare ai nostri figli e di poterlo ricordare per sempre.
Perché da quel giorno le nostre vite cambiarono per sempre.
La nostra razionalizzazione del mondo libero e protetto in cui vivevamo veniva a mancare e all’improvviso, come dal nulla, le immagini che provenivano da New York avevano quella sembianza di surreale che mai avevamo visto prima di allora.
Abbiamo imparato a conoscere la storia, la verità che non esiste un mondo libero che può garantirci la sicurezza di un’esistenza esente da situazioni drammatiche come questa.
Abbiamo appreso la sofferenza nella sua forma più diretta.
Abbiamo imparato a convivere con il terrore ed abbiamo imparato a lottare per le cose che prima davamo per scontate.
Non commettiamo l’errore di dire che l’11 settembre ci é servito, ma osiamo nella presunzione di dire che quel giorno siamo diventati grandi.
Eventi come l’11 settembre ci cambiano la vita per sempre. Se ci pensiamo bene in pochi secondi ci ricordiamo dove eravamo quel giorno, esattamente, perché quel giorno abbiamo vissuto tutti quanti come fossimo a New York.
Potevamo vedere l’inizio, ma non potevamo sapere la fine e la grandezza di questa tragedia immensa, di questo atto terroristico senza precedenti che avrebbe potuto raggiungere persino le nostre stesse città, ovunque ci trovassimo.

L’11 settembre 2001 abbiamo avuto la sensazione che la televisione abbia superato i propri limiti e per la prima volta abbiamo vissuto la paura in presa diretta, per la prima volta ne abbiamo respirato gli odori, come fossimo a Ground Zero.
La storia nelle nostre scuole dovrebbe servire a farci capire il passato e a farci affrontare meglio il presente.
L’11 settembre 2001 dovremmo insegnarlo ai nostri figli. perché ha cambiato la nostra vita e la loro per sempre.
Facciamo in modo di non dimenticarlo mai.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Skip to toolbar